lunedì 20 ottobre 2014

Fatina Pipistrello in Fimo - Video Tutorial

Anche le Fatine si vestono per Halloween! Questa piccolina ha  indossato un costume da pipistrello e impareremo a modellarla insieme nel video tutorial che vi presento oggi. È un po' più elaborata della Fatina dei Fiori e della Fatina d'Autunno, ma è stilizzata in forme semplici e sono sicura che seguendo il tutorial non avrete difficoltà nel realizzare qualche sua sorellina, così si terranno compagnia mentre voleranno di porta in porta a gridare "dolcetto o scherzetto?"

Fatina Pipistrello in Fimo - Tutorial

Lo scherzetto a me l'ha fatto iMovie! Nell'esportare il filmato, sono riapparsi magicamente i rumori di fondo, solo per pochi minuti nella prima parte del video. Per la seconda volta. Scusatemi, per questo video non ho potuto fare il progetto da capo, spero di risolvere il problema per il prossimo. 

Come pasta sintetica, per modellare la Fatina ho usato il Fimo Professional doll art n. 435, cameo, che ha una bella tonalità d'incarnato, colorita ma non troppo, di un tono più scuro di quella che uso solitamente. Mi sembrava la più adatta per una Fatina Pipistrello :) La cosa che mi piace poi del Fimo Professional è la sua confezione da 85 g, che rispetto ai 56 g del Soft è un po' più conveniente.
Per il vestitino, il cappellino e le ali, ho usato il Fimo Soft, così come per i capelli. Ma ripeto quello che ho già scritto per il tutorial precedente: sperimentate e trovate la pasta sintetica più adatta alle vostre mani, o anche un mix di paste sintetiche diverse, non esistono regole fisse. Pensate che Mairitales, per le sue miniature, usa da anni il Cernit - che per la maggior parte dei miniaturisti è troppo morbido - con soddisfazione e ottimi risultati. Se avete già una pasta sintetica preferita, qual è la vostra? Raccontatemelo nei commenti :)  


Per modellare figure un po' elaborate come questa, è meglio fare cotture multiple, in questo modo eviterete di deformare le parti già modellate mentre lavorate a quelle nuove. La pasta sintetica, se non supera la temperatura di cottura, può essere infornata ripetute volte, senza bruciare. Questo ci aiuta molto nel modellato di figure complesse e in alcuni casi diventa indispensabile per una buona riuscita del lavoro: immaginate di dover modellare un pettirosso appena posato sulle mani di una bimba. Non sarebbe mai possibile realizzarlo in un'unica cottura senza deformare le dita!

Per unire la pasta cruda a quella cotta si può usare una goccia di Fimo Liquid, o anche nulla, avendo cura di lasciare il lavoro a riposare almeno una notte prima d'infornare. In questo modo il solvente presente nella pasta cruda penetrerà in quella già cotta e il legame tra le due diventerà più saldo. Un po' come succede per le persone, fanno amicizia :) 

Potete vedere il tutorial sia qui nel blog che nel canale YouTube di Celidonia Studio. Come i tutorial precedenti, è in HD, quindi se mettete l'opzione a schermo intero (il tasto in fondo a destra nella finestra del video) avrete una visione migliore. Se vi piace, supportate il canale iscrivendovi (così sarete i primi a vedere i prossimi tutorials!), condividendo e commentando. Mi piacerebbe vedere le Fatine nate dalle vostre mani. Se le pubblicate, mettete il link tra i commenti? Grazie! :) 

8 commenti:

  1. ...ciao daniela!Carinissima la bat-fairy :)... e come al solito spiegazione perfetta...io guardo estasiata il tuo lavoro,ma nn sono ancora riuscita a "copiare" nulla!!! Chiedi quali paste usiamo? Io sono fedele alla pasta di mais,mi piace prepararla da zero,sporcarmi le mani,paciugare con le tempere e poi vederla asciugare all'aria...son soddisfazioni! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, grazie :) Il mio lavoro vuole essere solo uno spunto, sono sicura che l'espressione personale di ognuno sia la cosa più bella che ci sia, ma è bello anche giocare insieme :D
      Hai proprio ragione, la soddisfazione di preparare la pasta da soli è grande, anche se richiede tempo. Sarebbe affascinante anche preparare da soli i colori, partendo dai pigmenti... si trasforma la materia proprio dall'inizio! Quando hai iniziato a modellare la pasta di mais? :)

      Elimina
  2. ...si,hai ragione,ognuno in fondo ha la propria impronta artistca...tu xó oltre ad uno spunto,insegni anke una tecnica utile,sia x ki vorrebbe creare ma nn sa da ke parte iniziare,sia x ki invece deve migliorare la propria manualitá cm me!!! Ho iniziato circa 3 anni fa'xké incuriosita da alcune creazioni viste in un mercatino...mi sn informata ed ho cominciato a cercare nel web risposte alle mie molteplici domande(a tal proposito ringrazio sonia de "la bottega delle fate" x la pazienza!!!) Purtroppo il mio é sl un'hobby al quale dedico poco tempo...ma di "qualitá"! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le passioni possono nascere per caso e da hobby diventare grandi amori. Buon cammino!! :)

      Elimina
  3. Questa "bat-fatina" è splendida, il video è fatto davvero bene (e non ti preoccupare per i rumori di fondo, ti assicuro che non disturbano affatto la visione)... ma il ditino che si intrufola a sorpresa è semplicemente fenomenale! Ho riso un sacco quando ha fatto la sua apparizione! ^_^ Sammy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sammy! In realtà, quando ho messo le palline di pasta nera sul dito, che mi sembravano occhi, non ho potuto fare a meno di fargli anche il sorriso. Poi la cosa mi ha preso la mano... anzi, il dito! XD

      Elimina
  4. Adoro questa fatina *_* e sì, uso praticamente solo il Cernit :D ho le mani troppo fredde per riuscire ad usare le altre e poi i colori del Cernit, anche se purtroppo ultimamente sono peggiorati, rimangono quelli più naturali. E' sempre un'opinione personale ;) ci sono alcuni colori di Fimo soft che non sembrano male, come ci si è affezionati a un tipo di pasta si può sempre cambiare. Uso anche Fimo air e il plrutimaledetto Das :D
    Qualsiasi sia la pasta devo ringraziare Daniela per i tanti consigli che mi ha dato :) non fosse stato per lei non avrei avuto la costanza di provare, pasticciare, sperimentare e non desistere, grazie! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! I consigli sono sempre reciproci, e se non fosse stato per te i miei topini non avrebbero avuto un gaciglio nelle bugie che creasti per loro ;)
      È vero che il Cernit ha sempre avuto dei colori bellissimi. Ma ultimamente anche il Fimo ha sviluppato tanti bei colori! :)

      Elimina