venerdì 30 novembre 2012

Una Fata a Villa Ada

Domenica scorsa sono stata a Villa Ada, il secondo parco di Roma per grandezza. Adoro i suoi posti più nascosti e selvaggi. È il parco della mia infanzia... Da bambina ho trascorso molti giorni giocando sotto i suoi pini secolari.

villa ada

Stavo passeggiando immersa nei miei pensieri quando ho sentito una musica di campanelli e... una strana creatura è apparsa dal nulla, proprio davanti a me! 

fata dei campanelli

"Fermati qui!" Ha esclamato. Aveva una vocina così squillante! Mi ha detto che era una Fata Portavoce... delle mie Fatine dei Semplici!

margherita tra l'erba a villa ada

Mi ha detto che loro sono tanto offese, perché non le faccio più nascere nel mondo degli uomini e non insegno più ai miei studenti a modellarle! 

fata dei campanelli

Le ho risposto che sono una scultrice seria, ora, che non gioco più con le fatine dei semplici. E ho ripreso a la mia passeggiata... 

villa ada

Ma lei è apparsa di nuovo sotto a un grande fungo, proprio davanti ai miei piedi, sbarrandomi la strada! 

fata sotto il fungo

Mi ha detto: "L'arte ha bisogno del gioco! Il gioco la cosa più seria... insieme alla semplicità. È per questa ragione che fate e bambini amano i giochi e non si complicano la vita!" Poi è volata vicino all'albero di fusaggine.

fata tra la fusaggine

"L'arte c'è per ricordare agli umani cresciuti che ospitano una fata nel cuore! I bambini lo sanno già..." 
Detto questo, la Fatina dei Semplici è scomparsa lasciando una musica di campanelli...

villa ada

Il sole splendeva e ho sentito ancora la sua voce squillante... Allora capii. Era la fata che viveva nel mio cuore! Le chiesi: "Non è importante la perfezione, l'intelletto o il realismo nella scultura... ma solo quello che senti, è così?" 

fata vicino la vusaggine

Un bagliore fugace tra la fusaggine e lei era di nuovo lì. "Sì. Gioca, non complicarti l'esistenza, vivi candidamente... e camminerai per sempre sul Sentiero Fatato."

laghetto di villa ada

"Sveglia di nuovo le fate che dormono nei cuori umani. Rendi visibili me e le mie sorelle! Accompagna gli umani nel sentiero: insegna loro nuovamente come creare una semplice fatina... come me!" 

La fata mi ha seguita fino a casa, con una dolcissima musica di campanelli. 

fata dei campanelli

E voi? Cosa ne pensate? Siete d'accordo con la Fata dei Campanelli? 

6 commenti:

  1. sì cara Celidonia, anche io sono d'accordo con la fatina dei campanelli quando dice che la semplicità, il gioco, fanno parte dell'arte e del cuore puro..
    meglio una scultura semplice ma fatta col cuore che una scultura realistica ma arida di sentimenti o di anima

    RispondiElimina
  2. Oddio!!!! tra un po' piango...!!!! Ti prego ascolta la fatina!!!!

    RispondiElimina
  3. Grazie Mairi, Celestyal e Roberta... la Fatina sarà ascoltata! Giocando, naturalmente, con leggerezza! :)

    RispondiElimina
  4. Appoggio in toto la Fatina dei campanelli.... È stupenda e,come sempre ti ho detto, le tue fatine risvegliano in me una tenerezza infinita.... Fanne ancora, e ancora.... Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie paola! È bello essere incoraggiati dalle tue parole... Un abbraccio a te! :)

      Elimina