mercoledì 7 gennaio 2015

La Piccola Fatina Corre in Aiuto del suo Amico Pettirosso

La micro scultura alla quale stavo lavorando negli ultimi giorni finalmente è conclusa. la Fatina ha avuto le sue ali e il Pettirosso la sua bacca. Tutt'e due la loro storia, che li unisce su un ramo innevato. È stato un uccellino posatosi sul balcone per cercare riparo a raccontarmela. Volete ascoltarla anche voi? La scrivo qui :) 

Micro Fatina e Pettirosso in scala 1/12 Modellati in Pasta Sintetica

È Inverno, ormai. La neve ha coperto tutto. Il Biancospino non ha più neanche una bacca per il povero Pettirosso. Un fiocco grande cade sull'ala, un altro gli dà un bacio gelido sul capino. E il ramo è nudo. Come farà il piccolo a nutrirsi? È stanco, affamato e infreddolito... L'Estate è un ricordo lontano.

Ma i voli e i canti scambiati con gli amici in quei mattini spensierati restano nel cuore a scaldarlo e a dare speranza per i giorni futuri... Così il Pettirosso continua a volare e cercare. Ed ecco che, nel cespuglio vicino, alcuni fiocchi che danzano nel vento si separano dagli altri e iniziano a comporre una figura, bianca e indistinta dapprima, pian piano tenuemente colorata poi. Allora l'uccellino la riconosce. È la sua antica compagna d'ali e di giochi! È venuta fin lì per soccorrerlo. 

Micro Fatina e Pettirosso in scala 1/12 Modellati in Pasta Sintetica

La piccola Fatina ha trascorso insieme al Pettirosso tutta l’Estate, tra i Boschi montani, prima di andare a colorare le bacche e le foglie in Autunno. E proprio mentre dipingeva di rosso i frutti del Biancospino assieme alle sue Fate sorelle, le è tornato alla mente il suo amico, perché le bacche avevano lo stesso colore del suo petto! Così, ne ha tenuta una per ricordarsi sempre di lui. Ma ora lui è lì, è affamato... e lei può aiutarlo. Così decide di apparire sul ramo per donarla a lui. La bacca è un frutto fatato e racchiude gli ultimi raggi caldi di sole e, mentre il piccolo stomaco dell'uccellino si riempie, il suo cuore si scalda, diventando ancora più rosso. 

Ognuno può diventare l'amico fatato di qualche uccellino, in Inverno, se ascolta i loro bisogni e si prende cura di loro, offrendo semi e granaglie, bacche e frutta, affinché possano nutrirsi e superare la stagione fredda. Loro nutriranno a loro volta il nostro animo tra poche Lune, in Primavera, con canti e danze lassù nel Cielo. 

Micro Fatina e Pettirosso - Miniatura OOAK Modellata in Pasta Sintetica

Sul mio balcone arrivano puntuali, tutti gli anni, una famiglia di Passeri e un Codirosso. Ogni tanto viene a mangiare anche una Cinciarella, dalle ali blu cobalto e il pancino giallo come il Sole, e una volta si è posato addirittura un Gheppio. Sono loro i modelli e gli ispiratori di molte mie mini sculture, ed è a loro che devo anche la nascita di questa. 

Anche voi vi prendete cura in qualche modo delle piccole creature selvatiche, in Inverno? Che storie vi raccontano e come ispirano le vostre vite? Sono sicura che - a ciascuno nel suo personale modo - ogni creatura selvatica abbia una storia importante da raccontare a noi creature umane, così addomesticate alle comodità da dimenticare a volte il vero senso della Vita. Se vi va, mi raccontate i vostri incontri nei commenti? :) 

8 commenti:

  1. Cara Daniela hai colmato il mio cuore di gioia e tenerezza infinita! Grazie ^_^
    Buon anno creativo
    Giorgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Giorgia! E buon anno creativo anche a te! :)

      Elimina
  2. Bellissima scultura :D Le ali della fatina sono stupende, valeva la pena aspettare :) Io ho le tortore che non se ne vanno, devo fargli la casetta, per il cibo, se la cavano bene da sole :) con l'abete che ho in giardino, pieno di insetti, sto sfamando tortore, cinciallegre, merli e un mesetto fa ho visto un pettirosso sotto l'alloro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :) Che bello l'abete, ci sono tanti insetti anche in questa stagione? Salutami le tortorelle e tutta la compagnia! :D

      Elimina
  3. noi i passeri li abbiamo dietro il condizionatore in camera da letto. spesso fanno grandi manovre, e lavori di ampliamento. ^^ spesso stanno sul davanzale. nutriamo anche dei bei gattoni giù in cortile. spesso mettiemo le briciole x i piumosi ma niente... non sempre le prendono...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, sono passeri architetti! :D Più che con le briciole, sarebbe meglio nutrirli con semi, cereali e frutta secca... ma se ci sono i gattoni diventa una convivenza difficile! ;)

      Elimina