lunedì 26 gennaio 2015

Coniglietti, Topini, Fatine e altri Mini-Amici a Miniaturitalia

Qui nel mondo di Celidonia siamo tutti occupatissimi: i Coniglietti mi aiutano a inscatolare, i Topini corrono qua e là trasportando interi panetti di pasta sintetica, i Pettirossi volano alti a controllare che sia tutto ok e le Fatine tengono in mano gli strumenti come bacchette magiche, spargendo Polvere di Fata per sollevare gli animi!

Miniaturitalia si avvicina e - indovinate un po'? - neanche a dirlo, abbiamo ancora tanto lavoro da fare e tante cose da sistemare. Abbiamo trovato il tempo, però, di riunirci tutti in un video, appena pubblicato sul canale YouTube di Celidonia Studio: ogni miniatura voleva presentarsi, in attesa d'incontrare di persona ognuno di voi... cioè, chi verrà a trovarci :)


E, per chi non potrà venire, vi racconteremo tutto al ritorno, magari con un nuovo video dedicato alla fiera :) 

Qualcuno, vedendo insieme il Coniglietto e il Topino, forse ricorderà una delle mia prime mini sculture, che si chiamava "L'Abbraccio". Ve la ricordate? Era sul blog Fairydoor. Sempre un Coniglietto, sempre un Topino, sempre in scala 1/12 - ma abbracciati. In questo nuovo lavoro li ho sorpresi un attimo prima di baciarsi: è una naturale evoluzione del primo. 

Naturalmente, in tanti anni c'è stato uno cambiamento tecnico e di stile (e di ore di lavoro, e di diottrie... XD ) ma quel che non cambia è lo spirito. È l'amore che tutte le piccole creature naturalmente mi ispirano, la bellezza che mi rapisce e che cerco di evocare attraverso le mie mini sculture. Ognuna di loro nasce da un incontro vero e autentico ed è l'aver condiviso la mia vita con una Coniglia e con un Topino meravigliosi che mi ha portata a far nascere le miniature che abitano il mondo di Celidonia. Ai Pettirossi, alla Cinciarella e al Codibugnolo che vengono a trovarmi sul balcone devo tutti i mini uccellini. 

Ok, so che ve lo state chiedendo. No, non ho mai incontrato una Fata in carne e ossa ^^ Anche perché, come diceva Lucy Maud Montgomery, se le Fate fossero vere non sarebbero più Fate. Ma, modellando tutte le creature fatate, cerco di rendere visibile la parte invisibile della Natura - quella che senti quando passeggi nel Bosco. 

Riuscirò a coglierne un soffio? Non so dirlo. Come per tutti i sentieri che si percorrono nella vita, non credo che l'importante sia riuscire, ma fare. E avvicinarsi di un passo. Anzi, di un battito d'ali. 

2 commenti:

  1. Beato chi potrà ammirare le tue magnifiche creature incantate da vicino!!! Bellissime!!! Un bacio Rosita

    RispondiElimina
  2. Grazie Rosita! Spero riusciremo ad incontrarci a Miniaturitalia il prossimo anno! :)

    RispondiElimina