martedì 25 novembre 2014

La Fatina nella Foglia - Una Fiaba in Pasta Sintetica

Sapete perché le foglie in Autunno si accartocciano? Per proteggere le piccole Fate sorprese dal freddo dell’Inverno! Alcune di loro, infatti, perse nel gioco, non si sono accorte che l’Estate ormai se ne è andata e che è ora di lasciar spazio alle Sorelle del Freddo. Le amiche foglie, allora, le avvolgono in un abbraccio gentile, facendo loro da coperta.

Fatina nella Foglia - Scultura ooak in pasta sintetica by Celidonia - Daniela Messina

Lì al calduccio le Fatine si addormentano, cullate dal vento. E mentre la foglia pian piano lascia l’abbraccio, per proseguire la sua strada, le ali delle fatine si fanno più piccole. Al loro posto cresce un ciuffo d’erba, nel quale scorre la linfa che ospita i sogni estivi di tutti i bambini del mondo. Ecco perché quei ciuffi, che qualcuno chiama "erbacce" sono tanto belli e carichi di magia, e ci confortano durante l'Inverno. Non trovate anche voi? 

Fatina nella Foglia - Scultura ooak in pasta sintetica by Celidonia - Daniela Messina
Quando gli steli verdi diventano abbastanza alti, le piccole Fate sono pronte per raggiungere le Sorelle del Caldo nelle profondità della Terra, dove resteranno fino alla Primavera successiva, quando, tra quel ciuffo d’erba, sboccerà un fiore. 

Qualche giorno fa, passeggiando nel parco, ho scoperto proprio una Fatina che stava per andare nel sottosuolo... Sono riuscita a scorgerla prima che sparisse, anche se lei non sembrava aver molta voglia di andar via! :)

Fatina nella Foglia - Scultura ooak in pasta sintetica by Celidonia - Daniela Messina

Voleva, in qualche modo, essere in entrambi i mondi: quello delle Fate e quello degli Uomini. Così, prima di andare, ha lasciato un po’ della sua essenza in una pallina di pasta sintetica… che si è trasformata in una piccola Baby Fatina, proprio uguale a lei! :)

Anche se ora si è unita alle sue Sorelle nel cuore della Terra, una parte di lei resterà nel Mondo degli Uomini per tutto l’Inverno, e per gli Inverni a venire. 

Qui nel Mondo di Celidonia siamo sicuri che, se guarderete con occhi attenti, vi capiterà di assistere a qualche magia tra i fili d'erba, passeggiando nel parco in Inverno. O magari vi è già capitata. Ci raccontate? :) 

3 commenti:

  1. Bellissima storia Daniela, come anche la fatina che hai creato, dovresti scrivere favole per bambini. baci Ire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mille Ire, sono contenta che ti sia piaciuta :) Penso che tutti noi che amiamo creare restiamo in qualche modo bambini... no? :)

      Elimina
  2. Grazie Daniela tu scopri la vita dove molti di noi non vedono nulla.. e una foglia secca diventa una coperta momentaneo rifugio per le piccole Fatine prima della loro partenza per unirsi alle Sorelle del caldo.. ma la Baby Fatina resa nei nostri cuori... la speranza e la certezza che a primavera tutto prenderà vita..... Grazie!!! un bacio Rosita

    RispondiElimina